24 Dicembre 2019

Leciti i divieti ai condòmini se il regolamento è preciso


Al regolamento condominiale è consentito vietare condotte ai proprietari, ma solo se queste sono previste in maniera specifica. I divieti e i limiti di destinazione delle cose di proprietà individuale nel regime condominiale possono essere formulati nei regolamenti, sia mediante elencazione delle attività vietate sia mediante riferimento ai pregiudizi che si intendono evitare, ma è necessario che, specialmente in quest’ultimo caso, tali limiti e divieti, per evitare ogni possibilità di equivoco in una materia che attiene alla compressione di facoltà normalmente inerenti alle proprietà esclusive dei singoli condòmini, risultino da espressioni incontrovertibilmente rivelatrici di un intento chiaro, non suscettibile di dare luogo a incertezze. Questo il principio pronunciato dalla sentenza 32685/2019 della Cassazione, Sezione

34382351