29 Settembre 2011

Locazione extra comunitari non in regola – Sequestro immobile


11.09.21 Locazione extra comunitari -sequesto immobile doc_sentenza_58264

Se l’immobile è diviso in due autonomi monolocali, e solo in uno risiedono in
affitto extracomunitari senza permesso di soggiorno, solo quest’ultimo viene
sequestrato.
Con una sentenza del 26 settembre 2011 dalla prima sezione
penale, la Corte di cassazione ha infatti annullato la sentenza impugnata da un
imputato di Nettuno che aveva affittato una parte del suo immobile a cittadini
stranieri senza il permesso di soggiorno.
Egli rivendicava l’illegittimità
del sequestro dell’intero immobile, in quanto lo stesso era diviso in due unità
abitative autonome, e solo una di queste non era in regola con le norme di
legge.
Ad avviso degli Ermellini “in tema di riesame del sequestro,
l’accertamento della sussistenza del fumus commissi delicti va compiuto sotto il
profilo della congruità degli elementi rappresentati, che non possono essere
censurati sul piano fattuale per apprezzarne la coincidenza con le reali
risultanze processuali, ma vanno valutati così come esposti al fine di
verificare se essi consentono, in una prospettiva di ragionevole probabilità, di
inquadrare l’ipotesi formulata dall’accusa in quella tipica. In altri termini,
il controllo del giudice non può investire la concreta fondatezza dell’accusa,
ma deve limitarsi all’astratta possibilità di sussumere il fatto attribuito a un
soggetto in una determinata ipotesi di reato, senza che sia richiesta
l’esistenza dei gravi indizi di colpevolezza relativamente al delitto
contestato, alla cui successiva condanna è inderogabilmente legata la confisca
obbligatoria alla quale il sequestro stesso è strumentale, non essendo
estensibili, per la loro peculiarità, alle misure cautelari reali i presupposti
di applicabilità delle misure cautelari personali”.
Inoltre i giudici di
legittimità hanno annullato l’ordinanza impugnata limitatamente all’estensione
del sequestro all’intero immobile poiché il Tribunale ha trascurato di
considerare che si trattava di “unità abitative, monolocali o stanze” divise.